Tag: vita

Voglio amare così

20130228-115818.jpg“Ma il mondo da qui sembra soltanto una botola segreta, tutti vogliono tutto per poi accorgersi che è niente, noi non faremo come l’altra gente….”

Probabile che per molti non è proprio edificante fare le pulizie di casa, nell’unico giorno libero dal lavoro, ascoltando a volume alto Renato Zero.

Ma una riflessione ascoltando “I Migliori anni della nostra vita” ci sta tutta.
Arrivati a 50 anni non dico che i migliori siano passati, ma una buona parte direi proprio di si.

Il fatto è che finché non ci si ferma a riflettere difficilmente si riesce a vedere con una giuste luce tutto il mondo intorno a noi.
È come quando ti capitano delle tue foto di qualche tempo fa e ti accorgi magari di quanto eri magra lì, pur avendo coscienza che a quel tempo avresti detto lo stesso di un’altra foto di ancora prima.

Siamo bravissimi ad accorgerci di tutto ciò che di bello abbiano nella vita sempre un filino in ritardo per poterne godere appieno.

Ieri ho partecipato al funerale di un ragazzo (42 anni trattasi di ragazzo) papà da pochissimi anni e mio compagno di giochi dell’infanzia che non vedevo da oltre 35 anni!
Di preciso non so bene cosa sia successo (o meglio lo so visto l’amore che si respirava nonostante mancasse l’aria dalla tanta gente presente, posti in piedi), ma sono uscita da quella chiesa più ricca e molto più cosciente di quanto amore possiamo dare e riceverne dagli altri, anche se in realtà non riusciamo ad esserne consapevoli fino in fondo.

È questa inconsapevolezza che mi spaventa!

Una cosa mi sono detta ieri rientrando in casa, nel caos di casa….
Anche io voglio amare così!

Piccoli passi possibili

20120618-150938.jpg

Questo sorriso e la sua storia mi sono entrate dentro. Nessun giudizio, nessun pensiero a cosa avrei fatto io. Solo tanto rispetto per una scelta che fa discutere, ma che non può farmi rimanere indifferente. Proprio per questo condividerla e lasciarne traccia sul mio blog è stato un passo dovuto principalmente a me stessa. Voglio ricordare a piccoli passi possibili.

leggi

Oggi un angelo è volato in cielo

Non ci sono molte altre parole da dire.

Una mamma oggi ha dovuto accompagnare il proprio figlio verso quella luce che si era spenta tempo fa.

Non credo possa esserci dolore più grande.

In silenzio ho acceso una candela.

Buon volo piccolo Luca, principe guerriero!!!

Incontri

 

Che ne dici? ci vediamo domani sera?
Le migliori serate sono quelle improvvisate non c’è dubbio, senza troppe organizzazioni.
Ti va si, altrimenti si va oltre.

E’ in questo modo che è nata la serata dell’altro ieri sera, un sms, una risposta via mail e una telefonata per chiarire il luogo e l’ora dell’appuntamento.

E’ proprio così che ho incontrato per la prima volta Ifigenia!

Una piacevole serata passata a chiacchierare di blog, di mondi virtuali, di amicizie, di incontri e di scontri, di figli e di passioni…..praticamente di vita.

Non si capisce quale meccanismo ci sia dietro a questi incontri, ma la sensazione che si ha è quella di stare con una amica di sempre!

Nessun imbarazzo, nessuna maschera da primo incontro. La frequentazione virtuale diventa la miglior garanzia, può sembrare una contraddizione eppure la distanza è accorciata da una frequentazione quotidiana via internet che spesso nemmeno con la migllior amica reale si può avere.

Certo non si può scambiare tutto ciò che si ha nella vita reale con ciò che si potrebbe avere con il virtuale, ma annullare le distanze per una sera, e magari per altre sere in futuro perché no?

La vita come…. una riflessione

“Molti vivono la vita così come dice il De Mello:

La vita è quella cosa che gli accade per caso, mentre sono preoccupati a fare molti altri progetti.

Per le persone distratte, la vita passa e tutto finisce.

Altri vivono la vita come un viaggio in pulmann: finestrini ben chiusi perché c’è l’aria condizionata, tendine bene abbassate, che riparano dal sole, discutono, discutono e arrivano alla fine del viaggio senza aver visto nulla.

Per la terza categoria di persone la vita è come uno specchio: ti sorride se le sorridi e questa è la santità.”

Don Vittorio Vinci

Cosa cambia in adolescenza

I miei appunti

Diceva Rousseau: “L’uomo nasce due volte: una per esistere, l’altra per vivere”

Ieri il passaggio da bambino ad adulto era molto più chiaro.

Oggi sono adolescenti a vita (il CEPU visto come babysitteraggio per adulti)

Ieri l’altro c’erano i riti di iniziazione che segnavano il passaggio dall’una all’altra età.

Oggi che cosa sancisce il passaggio?

C’è chi ha risposto; le chiavi di casa, chi il motorino, chi la prima vacanza da soli, chi il passaggio alle scuole superiori.

Tutte le possibili risposte sono comunque valide, dipende dalle nostre esigenze, di come noi genitori abbiamo gestito la vita familiare. Comunque è un momento che appartiene a tutti i ragazzi anche se con modalità diverse.

Ogni età si costruisce poco a poco su se stessa attraverso avvenimenti che sembrano (e sono) personali e particolari, allo stesso tempo, ogni età è immersa in un clima generazionale che permette sia ai giovani che agli anziani di culture e di paese diversi di riconoscersi facilmente negli stessi problemi e nelle stesse inquietudini. Leggi