Tag: cucina

Ricomincio dalla cucina: fagioli cannellini

Ricominciare è sempre dura, ma questo ve lo voglio raccontare, perché è facile, veloce e buonissimo. Di che parlo? Di un primo piatto inventato sul momento guardando il frigorifero semivuoto al ritorno dal lavoro.

Cosa cucinare quando salta la programmazione settimanale che provo a seguire sempre con scarsi risultati? Etvoilà


Prendete un barattolo di fagioli cannellini o di ceci in alternativa, frullateli con il minipimer insieme ad un po’ di pepe, aglio trifolato, acciughina e sale se serve.

A parte fate soffriggere pancetta dolce e poi insieme conditeci la pasta spruzzandoci sopra anbondante pecorino. Per i vegetariani si può sostituire la pancetta con del seitan soffritto (non sarà la stessa cosa ma la figlia vegetariana ha apprezzato, e niente acciughina)

Da leccarsi i baffi garantito dai figli

Marmellata pesche con MdP

 

Ebbene si, ho anche fatto della buonissima marmellata di pesche!

Santa macchina del pane. Da quando finalmente mi è stata aggiustata la sto facendo lavorare parecchio.

Non avendo tempo da dedicare alla cucina, non mi sono mai cimentata nella preparazione di marmellate e conserve; l'idea di stare lì a girare, girare, girare per ore, confesso, non mi ha mai sfiorata.

Ed ecco accorrermi in aiuto santa MdP, con il suo programmino dedicato alla marmellata.

Vi lascio quindi ingredienti e procedimento che ha reso possibile anche questo piccolo miracolo culinario, apprezzatissimo da tutta la family.

 

Ingredienti

1kg di pesche mature con tutta la buccia (peso senza osso) tagliate a cubetti

Circa 400/500 gr di zucchero a seconda del gusto

Un cucchiaio di limone spremuto

Mezza mela grattugiata (che aiuta a rendere la marmellata più densa senza così aggiungere pectina)

 

Procedimento

Tagliare le pesche e mescolare tutti gli ingredienti insieme. Si può far macerare il tutto per un po' o come me mettete tutto dentro la MdP e fate andare il programma dedicato alle marmellate, che in genere dura poco più di un'ora.

Finito il programma vi consiglio di farlo andare una seconda volta perché non basta un solo giro di programma per renderla densa al punto giusto. Prima però con una spatolina rimescolate bene il tutto togliendo dalle pareti del contenitore eventuali pezzi attaccati.

Finito anche il secondo giro io frullo con il minipimer il tutto per evitare qualche pezzetto di frutta rimasto.

Ancora calda la verso nei barattoli, chiudo con il loro tappo e capovolgo per renderlo sottovuoto.

Per evitare di far poi bollire i contenitori per conservarla più a lungo non ne faccio tanta così la mangiamo subito e poi al limite, data la facilità, la rifaccio.

Con un chilo di frutta ci vengono due bei barattoloni e per qualche giorno stiamo a posto.

 

Buona colazione a tutti!

 

Pennette friggitelli e cozze

 

È da un po' che non scrivo una ricettina facile e veloce come sempre.

Abbiamo festeggiato la laurea di mia nipote in una pizzeria di proprietà del suo fidanzato Al Pachino, dove fanno una pizza buonissima.

Ma stavolta ci siamo buttati sui primi e qui vi ripropongo uno che mi è piaciuto molto e che ho prontamente rifatto con qualche variante naturalmente: pennette con friggitelli e cozze.

 

Ingredienti:

Friggitelli

Cozze (io ho usato quelle surgelate)

Olio evo

Pepe o peperoncino a seconda dei gusti

Sale quanto basta

Spicchio di aglio

Pecorino se piace (a noi molto)

Spruzzzata di prezzemolo

Qualche pomodoretto fresco

 

Procedimento

Ho fatto cuocere i friggitelli, puliti e tagliati a striscioline, in una grande padella antiaderente con abbondante olio evo (deve condire la pasta), spicchio di aglio, che ho poi tolto e aggiunto qualche pomodoretto a pezzetti (che nella versione di Al Pachino non c'erano, ma stanno al bacio fidatevi).

A me piace il pepe, lo so fa più male ma lo preferisco al peperoncino e quindi un po' di pepe bianco l'ho sparso sui friggitelli.

Ho aggiunto verso la fine della loro cottura (quando un bel sughettino faceva da contorno ai friggitelli) le cozze surgelate (se usate quelle fresche naturalmente vanno prima pulite, fatte aprire a parte sgusciate nella maggioranza e poi mescolate con i friggitelli).

Intanto avevo messo su l'acqua di cottura e una volta pronte le pennette (nella versione originale trattavasi di spaghetti) le ho scolate e fatte amalgamare nella grande padella insieme al loro condimento.

Una spruzzata di pecorino, di prezzemolo fresco e il piatto è servito!

Buon appetito

 

DolciMidori: il libro delle ricette

 

La cucina non è la mia passione primaria, lo voglio chiarire subito. Da quando poi ho i figli con gusti diversi, difficile da mettere d’accordo ma soprattutto abitudinari, non ho più fatto esperimenti. Mi limito a programmare (e già è una gran fatica) con i soliti piatti rimescolati e ripetuti che mettono d’accordo tutti.

Avevo un vecchio quaderno ad anelli dove man mano scrivevo le ricette che più o meno mi piaceva ricordare, alcune tramandate dalla mamma.

Il mio momento creativo mi ha ispirato per crearmi una Midori (qui trovate le istruzioni su come ho realizzata io la prima midori) adatta allo scopo. E così che nasce la DolciMidori:

Eccola qua nel suo splendore. Due quadernini dentro: uno organizzato per i dolci e l’altro per tutte le altre ricette. Con questi accessori qui sotto ho creato le pagine che man mano sto riepiendo con tutte le ricette dei miei dolci

Il quadernino con i post-it l’ho preso da Accesorize, per chi è di Roma si trova in via del Corso, i post-it ad orologio da Tiger,presi in via Tiburtina e i due blocchetti notes in libreria Arion

Con colla roller e washi tape per completare le decorazioni ho sistemato per bene ogni pagina: nel foglio notes a sx ci scriverò il procedimento; in quello celeste e in quello rosa a righe, alternandoli, gli ingedienti; il nome della ricetta nel post-it in alto e in quello ad orologio tempi di cottura e gradi del forno.

Non mi resta che completare la DolciMidori con altre gustose ricette

 

5vmFood: salsa per polpette svedesi

 

Ogni volta che capito da Ikea passo sempre all'ikea food per comprare alcuni prodotti che piacciono molto ai miei figli: la cioccolata, la marmellata di frutti di bosco, le salse ketchup e senape, gli hot dog con i panini appositi e le famose polpette.

In genere fino a poco tempo fa compravo anche le bustine liofilizzate per fare il famoso sughetto che accompagna le polpette. Una volta che ho dimenticato di comprarle mi sono arrangiata, e da allora è una salsetta “a modo mio” che rifaccio da sola.

Ingredienti che mescolo ad occhio e a mia fantasia sono:

latte – farina – brodo di carne (o con dado) – salsa di soia – panna da cucina

Inizio mescolando latte e farina, poi aggiungo il brodo, un paio di cucchiai di salsa di soia e infine la panna e lacio cuocere girando continuamente fino alla consistenza giusta.

In questo caso devo aver dosato gli ingredienti in modo da renderla più chiara del solito, ma il sapore è quello e sulle polpette svedesi si sposa benissimo!

Il riso basmati cotto a vapore fa da contorno a questo piatto rendendolo così unico, riso che va mescolato con la stessa salsetta!

Il tutto è davvero molto veloce, mentre le polpette sono al forno e il riso nella pentola a pressione, cucino la salsa e in 10' ho risolto un pranzo!

 

 

BUON APPETITO!

 

Polpettone di tonno

Polpettone tonno

Premetto che è il mio primo esperimento. La ricetta me l’ha data un’amica una volta che mi lamentavo di fare sempre le stesse cose! Mi è piaciuta, perché veloce, gustosa e si può fare la sera prima per averlo pronto il giorno dopo.

Questi gli ingredienti in quantità base, corrispondente ad un uovo, da moltiplicare per quante persone dovete cucinarlo:

Un uovo intero

160gr di tonno

2 cuchiai di pan grattato

1 cucchiaio di parmigiano

Prezzemolo

________

Io ho usato 5 uova, quindi il tutto moltiplicato per cinque e ho fatto quattro polpettoni medi.

Polpettone

 

Mischiare tutto con il minipimer. Fare un polpettone unico o più polpettoni piccoli, dipende anche dalla pentola che avete e arrotolate il tutto in carta argentata almeno due volte e chiudete i bordi a caramella.

 

Mettere in acqua fredda completamente in ammollo, io ho usato per tenerli immersi quella specie di rete per cuocere al vapore che vedete nella foto.

Dal bollore cuocere per 25/30 minuti. Tagliare freddo e condire con olio, prezzemelo e limone. Qualche oliva di contorno e buon appetito.

 

PS: va be i miei figli l’hanno condito con la maionese…generazione scialla!