Tag: compleanno

Festa dei 18 anni n.3

 

18anni

E come previsto tutto si complica quando si tratta di lui.

Tipico adolescente insofferente, indolente, non collaborativo e chi più ne ha più ne metta.

Niente festa, niente torta, questo no, quest’altro neanche…

Che fatica amici miei. Fortuna che ci sono i suoi amici di sempre, pochi, pochissimi con cui è cresciuto e che, come noi genitori, lo amano a prescindere.

 

Non che ci fossero molte intenzioni di fare una grande festa, visto che gli stiamo dando la possibilità di recuperare il tempo che ha perso a scuola senza motivo; ma tra grandi cose e nulla esiste tutta una via di mezzo che naturalmente non è da lui contemplata.

Ma noi faremo a modo nostro e faremo in modo che lui sappia che nonostante lui, noi lo amiamo lo stesso!

Inizia il conto alla rovescia – 5

 

14 anni

 

Come posso far passare questo giorno, frenetico più del solito, senza lasciare qualche pensiero scritto per la quartogenita di casa?

Non posso appunto per cui eccovi una bella e buona torta fatta dal marito (la base del pan di spagna è comprato, lo dico altrimenti potreste equivocare sulle doti culinarie del bravo padre di casa).

Io un 10 e lode glielo do comunque considerando che ha cominciato alle 19.00 di sera!

Sono giornate frenetiche, nonno in ospedale, nonna frastornata, marito non ne parliamo e tutto il resto.

Festeggiare anche solo tra noi con tanto di torta è stato un successo. Ci rifaremo sicuramente.

Ti vogliamo bene creativa di casa!

 

Buon compleanno!

 

Ieri figlio n.2 ha compiuto 20 anni! Che traguardo. Un uomo non c'è che dire anche se ancora in ricerca del suo posto nel mondo. Oggi è obiettivamente molto più difficile ritagliarsi un posto e sapere già con certezza quello che si vuole appena finite le scuole.

La mia esperienza di mamma ma non solo, mi conferma questa 'incertezza' che c'è nei ragazzi di oggi. Non tutti bisogna dirlo, ma una grossa fetta si. La precarietà che si riscontra nelle famiglie ha le sue conseguenze, dobbiamo preventivarle.

Il mio ottimismo, sempre e comunque, la mia fiducia nei ragazzi in generale, fa si che mi armi di pazienza e consapevolezza che prima o poi….

Anche per mio figlio arriverà il tempo di sedersi al suo posto. Il mio compito è quello di stargli accanto, accompagnarlo, sostenerlo e consigliarlo se richiesto; guidarlo o segnare il passo non è il miglior modo per aiutarlo.

Ho ritrovato un vecchio post mel mio primissimo blog, dove festeggiavo i suoi 14 anni. Mi son commossa da sola e così vi ripropongo quanto scritto allora.

Buon compleanno figlio mio!

Dal primo blog

14 anni!!!

14 anni fa……

….. è nato il mio secondogenito Gianluca… cioè è nato il mio secondo figlio… e si perché è stato 3 giorni senza nome.

Mi piaceva molto il nome Luca, ma il fratello di mio marito si chiama Luca e non volevo un omonimo…. Ci ho pensato su tre giorni… poi mia madre ingenuamente in ospedale mi disse: “ti piace il nome Luca e allora chiamalo Gianluca”. Colpo di genio e Gianluca fu.


E' nato in due ore appena………………… le due ore più difficili della mia vita e di figli ne ho avuti 5 ne so qualcosa!!!


Non avevo dolori era a fine tempo e il dottore che all'epoca mi seguiva era di turno e mi disse vieni che ci proviamo.


Ho giurato allora che mai e poi mai avrei partorito senza che i dolori iniziassero da soli, mai più con la flebo, mai più parto indotto!!!!


Sapete che ho pensato davvero di morire perché se qualcuna ha provato sa cosa vuol dire avere contrazioni, quelle ultime per capirci, senza una pausa di respiro tra l'una e l'altra perché dovute all'ossitocina.


Ad un certo punto ho mentito ero talmente esausta che ho detto di sentire spingere e così mi hanno portato in sala parto troppo presto.. Gianluca aveva anche la testa grande… insomma non posso dire che fu una bella esperienza.


Questo mi ha segnato moltissimo. Senza volerlo sono stata “arrabbiata” con Lui. In ospedale lo fissavo e ripercorrevo il dolore che mi aveva procurato e odiando me stessa per quei sentimenti….. ce l'avevo con lui.


Ci ho messo un po' ad “affezionarmi” a quel bambino.


Mi sono odiata per questo tanto, e sapete lui come ricambiava questo mio amore contrastato all'inizio? con tanta dolcezza, non faceva un fiato mai, dormiva e stava buono in carrozzina e sopportava le carezze diciamo “irruente” della sorella di poco più di un anno!


Insomma in poco tempo mi ha conquistato, ha preso il mio cuore come non mai, ed ho adorato quella sua sensibilità, quel suo aspettarmi con dolcezza e amore!


Così è rimasto, discreto, silenzioso, sensibile e molto molto affettuoso.


Ed io con lui sono una mamma super affettuosa, lo abbraccio senza motivo e gli stampo certi bacioni sulla guancia a tradimento!


E nonostante abbia 14 anni e sia in quell'età in cui certe effusioni genitoriali non si amano….. le accetta sempre e comunque.


Ed è l'unico, tra i 3 più grandicelli, che ogni tanto mi abbraccia e mi bacia senza motivo.


E se anche lui è entrato in quel periodo difficile da gestire chiamato adolescenza, lo adoro e gli auguro tutto il bene possibile, che i suoi sogni si possano realizzare tutti, nessuno escluso!!


Buon compleanno amore di mamma!!!!!!

 

Date da non dimenticare

20130914-103246.jpg

Ci sono date che rimangono nel ricordo di tutti. In genere quelle che segnano la Storia sono legate a fatti drammatici come appunto l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001.
L’11 settembre rimarrà così per sempre il giorno che ha cambiato la storia del mondo un’altra volta.
Il fatto è che proprio in quel giorno, in un anno diverso nel 2006, è cambiata la mia di storia e quella della mia famiglia: è nato Yuyu, fortuna che non mi legge perché se sapesse che per ancora lo chiamo così son guai, ormai lui è grande, 7 anni.
Ho sempre difficoltà a ricordare questo giorno pubblicamente proprio perché anche io, come tutti, sento forte il peso di quel giorno, e ricordo perfettamente dove ero e con chi ero mentre ascoltavo il mondo andare a rotoli.
Ma la vita è fatta così, ti regala momenti straordinari alternadoli ad altri che vorresti solo dimenticare. Del resto come sarebbe possibile, mi domando, sopravvivere alla morte di un figlio se non ci fosse questo mistero legato al dono della vita?

Pertanto, a distanza di qualche giorno, voglio dire: tanti auguri figlio mio, che la vita ti possa regalare tutti i sogni che farai, e darti sempre la speranza di poter realizzare anche quelli che ti sembreranno impossibili.20130914-103202.jpg

Tanti auguri a me!

20130521-123458.jpg

Sorelle

20130306-015704.jpgNon posso concludere la giornata non scrivendo di un gesto da vera sorella della figlia maggiore verso la piccola di casa.
Oggi (meglio ieri vista l’ora) non avendole potuto fare gli auguri la mattina, dovendo uscire molto presto per andare all’università, verso l’una si è presentata alla scuola e le ha portato una rosa, commuovendo collaboratori scolastici assai severi in fatto di ‘visite’ durante l’orario scolastico.

Una bella sorpresa corredata di un bigliettino: hai visto che ti voglio bene?

Cuori di mamma!