Selfie la moda dell’autoscatto

 

Sapete quale è la parola dell'anno appeno passato decretata dal dizionario di lingua inglese più popolare al mondo l'Oxford Dictionaries? È SELFIE letteralmente un autoscatto, realizzato il più delle volte con uno smartphone o webcam e pubblicato sui vari social.

Se la sindrome da tronista, un fenomeno se vogliamo simile in quanto parte dalla (s)mania di apparire, è circoscritto ad una fascia di età ben specifica, il selfie è praticato non solo da adolescenti.

Il 3 gennaio è nata la pagina FB Official Selfie Olympics arrivata a oltre 5000 fan, invitati a pubblicare il loro selfie più divertente e buffo in una sorta di gara al motto “Quanto è forte il tuo selfie?”. C'è chi si arrampica sulle porte, sugli armadi, chi scatta foto con i piedi.

Su instagram sono oltre 28.000 le foto che portano l'hasthag #selfie e sicuramente le starlette Belen Rodriguez e la nostrana Alessia Marcuzzi ne sono le regine.

Al di là del fenomeno del momento, della (s)mania di apparire, del gioco che comunque si crea intorno a questa moda, la perplessità e allo stesso tempo la preoccupazione che come mamma mi trovo a dover affrontare è questo bisogno di esistere che oggi passa quasi esclusivamente dall'essere sui social. Sei se appari!

Che un adulto più o meno consapevole prenda questa moda come un gioco, che se ne serva per continuare ad essere parte di un mondo sempre più patinato (e intendo letteralmente 'coperto di patina') è una scelta che si può non condividere ma che è lecita, il 'pericolo' è l'emulazione dei giovanissimi preadolescenti, che spesso inconsapevoli si ritraggono in pose discutibili.

Che resta da fare? Cercare esempi positivi del resto se a subire il fascino del selfie sono due capi di stato tra i più influenti al mondo come Cameron e Obama e il miglior #selfie premiato su twitter appartiene al numero uno della Chiesa Cattolica papa Francesco parafrasando le parole di quest'ultimo 'Chi siamo noi per giudicare”?

Obama Papa Francesco

 

Articolo pubblicato su lenuovemamme.it

 

 

Rispondi