Chronodex e bullet journal

 

Sto finalmente raggiungendo una mia personale organizzazione. A forza di provare metodi diversi, leggere le esperienze degli altri, guardare video, combinare più tecniche insieme, ho più o meno trovato la mia dimensione.

La mia ‘instabilità’ mi suggerisce che presto starò alla ricerca di altro, perché la perfezione non mi appartiene e quindi tendo sempre a cercare di raggiungerla – non riuscendoci mai naturalmente –

In questo modo rimango sempre alla ricerca con lo spirito sempre curioso che non mi fa fermare mai neanche alla mia età!

Un po’ bimbominchia lo sono ancora diciamocelo.

È così che mi sono creata – per ora – la mia Midori ChronoBull, ovvero un sistema che unisce insieme il chronodex ideato da Patrick Ng e il bullett journal inventato da Ryde Carroll.

In questa foto più o meno si capisce quanto detto:

 

Il chronodex è quella specie di cronometro che riporta le ore del giorno che ognuno poi gestisce come vuole, le colora dando un significato ad ogni sfumatura, le evidenzia, ci scarabocchia, o come me disegna.

C’è chi lo usa per scandire il proprio tempo, quindi dopo che è passato, e chi per programmare gli appuntamenti che ha nel futuro o per chi studia ad esempio, programmando le ore da dedicare allo studio cercando poi di rispettarne il ritmo.

Avrete capito che ognuno trova la sua personale dimensione.

Qui sopra il chronodex di Patrick, sul suo sito potete scaricarlo gratuitamente.

 

Il bullet journal è quella tecnica che mi aiuta a tenere traccia delle cose che faccio, che devo fare e che non ho fatto in quella giornata utilizzando un sistema di chiavi di lettura (key) personali. Ogni sera poi cancello/coloro ciò che sono riuscita a completare e rimando al giorno dopo quello che non ho fatto se ancora è importante, sempre con le mie personal key.

Qui quelle che uso abitualmente

 

 

 

 

Tutto ciò però non era sufficiente per avere una visione a lungo raggio essendo il ChronoBull ideale giorno per giorno, e così mi sono fatta una pagina che apro a vista con refill mensile, dove annoto brevemente le cose che ho in programma per quel mese e che poi decoro stile calendario dell’avvento colorando il giorno appena trascorso, o disegnandoci dentro un qualcosa che mi ricordi la giornata appena trascorsa. Con un tab in alto segno i refill mensili posizionati tenendo conto del numero delle pagine che mi servono per segnare il mese precedente.

Le domeniche le riconosco dal triangolino in basso a destra in rosso; i sabati in verde.

In tutto questo manca forse la visione settimanale? Invece ho anche quella!!!

Per concludere la mia Midori da portare sempre con me non poteva mancare un dashboard iniziale fatta con foglio plastificato dove appuntare con un sistema di post it quello che mi devo ricordare senza scadenza, ma anche quello che devo fare in quella settimana.

Questo sistema mi permette di non avere altri fogli da inserire per non aumentare la pesantezza della midori. Ma essendo una settimana plastificata non faccio altro che inserire i post it datati nel giorno in cui mi serve ricordare una data cosa.

È una visione settimanale che mi completa quella mensile e quella giornaliera del bullet.

Sembro super organizzatissima vero? Eppure rimango la stessa cialtrona di sempre e non capisco il perché!!!!!

 

 

One comment on “Chronodex e bullet journal

  1. Elena ha detto:

    fantastica!

Rispondi