Category: 5vmFood

Profumi e sapori oltre i bisogni primari

20130728-111748.jpgMai come in questi giorni ho riflettuto tanto sull’importanza che hanno i sapori e gli odori. Succede sempre così, finché non ‘perdi’ qualcosa non ne assapori davvero la sua essenza.
In questi giorni post operatori dove per per ovvie ragioni, ho i tamponi al naso, ho capito quanto, nella loro semplicità, siano fondamentali gli odori e i sapori.
Gustare è ben diverso da nutrirsi per vivere. Assaporare i profumi è ben diverso da respirare per vivere.

I bisogni primari che si mescolano e acquistano significati profondi, attraverso i sensi.

Non oso immaginare chi per motivi fisici possa davvero vivere per sempre senza poter gustare, senza poter riempirsi di profumi, di odori, senza poter vedere i colori della natura, ascoltare le onde del mare, o vivere l’esperienza unica di poter accarezzare un figlio sentendone al tatto le sue vibrazioni.
Quanta importanza diamo a questi sensi nell’arco di una giornata? Io direi ben poca, e non perché non ne riconosciamo l’importanza, ma perché rientrano in una quotidianità che, dando per scontata, non riusciamo a viverla in pienezza.
Così come quando manca l’acqua in casa, o la luce.
Rientra tutto nel discorso fatto nel post precedente ossia dello scorrere del tempo, dell’incapacità di rallentare? Non lo so.
Certo è che oggi ricordando (quanto è importante la ‘memoria’ come “memoriale”) il profumo del pane appena sfornato non ho resistito.
E nonostante non senta nessun sapore, e non gusti nessun profumo, mi ritrovo a magiare i miei cazzottini preferiti comprati nel forno in riva al mare così come facevo da bambina, in altri posti, con la mia mamma.

Bento mania

20130727-103345.jpgAvete mai sentito parlare di Bento mania? Scrivo testualmente
“La parola bento significa letteralmente pranzo fuori casa che chi lavora o va a scuola o viaggia o semplicemente fa un pic-nic, si porta con se o compra. In Giappone il bento più prezioso è quello preparato dalla moglie o dalla fidanzata e mostrato orgogliosamente in ufficio”.
Provate a cliccare su google bento, vi si apre un mondo!!! E’ bellissimo, ma io non mi ci vedo proprio la mattina, che vado sempre per uno. a preparare un bento a mio marito con fettine di tacchino a forma di cuore, tocchetti di carote a forma di fiore, macchinine fatte con le uova sode ecc. credetemi ci sono dei veri capolavori di bento in giro, che poi secondo me non hai il coraggio neanche di mangiare per quanto sono belli e curati nei dettagli questi porta pranzi tutti decorati. In Giappone sono una vera e propria arte (arte nel disporre il cibo all’interno). Non è più una novità, ma secondo me chi ha qualcosa da investire potrebbe prendere questa idea e aprire un bento_lunch/coffee/ecc. e sfruttare questa moda.

Ecco come potrebbe essere lo scaffale del nostro fast_bento

20130727-103833.jpg

Il mio primo pessimo esperimento

20130727-104035.jpg

Fagiolini in crosta

20130625-122543.jpgDa quando ho scoperto la facilità nel preparare piatti veloci e gustosi con la pasta brisé o la pasta sfoglia arrotolata, in cucina faccio continuamente esperimenti.
Ormai è collaudatissimo, per feste tra amici dove si sa esserci figli di ogni età, il mio classico rotolo con prosciutto e formaggio (a seconda di quello che ho in frigo passiamo dalla mozzarella, alla fontina, al formaggio tipo spalmabile). Un successone sempre. Leggi

Odori e sapori

20130610-151321.jpgNon sono una grande cuoca, e se anche lo fossi stato i figli, che soddisfazione ne danno poca, questa passione per la cucina me l’hanno fatta quasi passare. Ognuno di loro ha tre o quattro piatti di cui essere golosi e in quanto a sperimentazioni o cucina creativa non si sbilanciano. Metteteci ora che i due grandi sono a dieta di mantenimento e guai a trasgredire, in cucina non c’è più fantasia. Banditi cibi conditi, olio sostituito con salsa di soia, sale guai ad abusarne (facciamo finta di accontentarli), insomma sicuramente grazie alla figlia n.1 mangiamo più sano, ma decisamente meno gustoso!

Leggi